Ritmo

Ritmo

Esercizio, sudore e passione

Lei ti accompagna fino a farti volare in un’altra dimensione

Lei ti insegna a sentire

Scandisce i battiti,

Le attese, il tempo

La senti dentro di te,

ora è finalmente TUA

Nel silenzio il rumore

fa fluire un suono nuovo,

ritrovato, il RITMO del mio cuore

Ph Massimo Baldocchi

Riconoscersi

Riconoscersi

Loro si amano…

come una tempesta

come il vento che soffia forte

come le nuvole precipitando senza paracadute

alternando buio e luce

guardando il lento scorrere di un fiume

abbracciandosi davanti a panorami di laghi e boschi

fra cielo e terra durante un volo in mongolfiera

nell’incanto del silenzio

ubriacandosi di parole

mano nella mano

nel volo libero del loro cuore

nella pura essenza della loro anima

Ph Paola Martinelli

VENTO E LUCE

VENTO E LUCE

Si sentivano così la donna della luce e l’uomo del vento.

Impauriti.

Abbracciami, disse la donna della luce.

La guardò fissa negli occhi: “Io gli abbracci veri non li concedo incondizionatamente”.

Gli abbracci sono cosa completamente diversa da tutto.

Deve esserci vera attrazione.

E la vera attrazione è magnetismo.

Il magnetismo è forza allo stato puro.

Ne’ sesso ne’ amore possono capire.

E fra noi c’è???- domandò lei.

Non ti rispondo, per ora..disse lui.

L’abbraccio riguarda solo i due individui, non l’universo, e’ l’unica vera forza che governa davvero tutto.

L’attrazione la prima vera certezza.

Tutti lo sottovalutano …povere sterili strette di mano o timide pacche sulla schiena o viscide umide guance sfuggenti.

Come odio tutto questo.

Vero, sono d’accordo, rispose lei.

Lo guardo’, era affascinata dalle sue parole.

E ora parlami dei baci.

Il bacio scivola dietro l’energia per dare il colore.

Tinge i momenti di colori accesi.

 Ma solo dopo che l’attrazione concede spazio per il movimento.

Si può stare abbracciati all’infinito senza bisogno di baciarsi.

Il bacio trema, si contorce, freme.

L’abbraccio mai.

Lei lo guardò …non aveva più paura.

La tempesta ci salverà…lasciamoci andare alla tempesta, lo imploro’.

Ed è così che finirono ….in balia della tempesta…eternamente abbracciati.

Ph Alessandra Pracchia

MADRE

MADRE

Il silenzio mi parla di te.

Il dolore si è trasformato in presenza

Osservo…

La delicatezza della tua pelle morbida

Le tue lacrime  mentre stavi stirando

La tua forza nonostante la malattia

Il tuo eterno sorriso carico di fragilità

La tua gioia cantando gli stornelli

della tua terra

La tua generosità per non lasciarci sole

Il tuo volo pieno di amore e libertà

Il mio cuore dentro di te

Eternamente viva

Eternamente viva

Eternamente viva

Tra le nuvole bianche del cielo

Eternamente viva

Tra spighe di grano e corolle di girasole

Eternamente viva

Davanti al sole che al tramonto scompare

Tra le onde del mare

Eternamente viva

Nel bianco candore di un fiocco di neve

che mi accarezza le guance

Eternamente viva

Nello sguardo sincero dei tuoi occhi nocciola

Eternamente viva

Nel tuo abbraccio che trasforma linea interrotta

In cerchio perfetto

Ph Daniele Tolaini